Facilitare nel cambiamento

I Manager del futuro dovranno avere le competenze di Facilitazione in Risorse Umane per applicarle direttamente nei loro team.

I luoghi di lavoro dovranno trasformarsi in “comunità di apprendimento“, le organizzazioni e i team dovranno essere degli “incubatori di valori“.

Così l’organismo azienda può diventare più resiliente e coltivare il terreno per l’innovazione.

Oggi più che mai bisogna agire con scientificità e metodo. Alcuni frames del mio intervento all’interno della formazione “Facilitare nel Cambiamento“. Una formazione specifica insieme al mondo della pedagogia, psicologia, ricerca neurofisilogia e testimonianze di importanti manager e professionisti che lavorano in organizzazioni private e pubbliche, nazionali e internazionali. 

Per informazioni : [email protected]

Crisi vs Opportunità: da parole sterili ad azioni concrete

Crisi e opportunità rimangono parole sterili se ad una comprensione razionale non ci si cala nella pratica di cosa significa trasformare una crisi in una opportunità.

Con che coraggio ci poniamo quando parliamo ad un imprenditore che non sa come pagare le tasse, pagare i collaboratori, deve ricontrattare il mutuo, o i mutui, in banca e vengono meno i clienti ?

Urgenza e pericolo sono i sentimenti predominanti vissuti naturalmente in questo momento storico. Ma possono essere proprio le azioni conseguenti a questi sentimenti che acutizzano ulterioriormente la crisi. Può essere utile sapere che le crisi, indipendentemente dalla loro natura, evidenziano le nostre criticità già esistenti.

La crisi mette in evidenza reazioni, pensieri, emozioni, azioni e comportamenti automatici che spesse volte nell’ esigenza e nella percezione di urgenza del cambiamento diventano dei “paracadute mentali “. L’ effetto e’ quello di rallentare l’evoluzione in un momento, invece, che necessita di adattamento e azione accompagnata naturalmente dalla razionalità.

Pertanto in generale ci sono due tipi di risposte; la prima e’ quella che si concentra sui problemi; la seconda e’ quella che si concentra sulle risorse. Portano a due atteggiamenti e di conseguenza comportamenti diametralmente opposti.

Alcuni diranno: sono entrambi importanti da affrontare !.

Hanno ragione, ma la domanda principale deve essere: da dove iniziamo?

 Se stiamo salendo una scala con i pioli in legno e alcuni di questi si dovessero rompere, qual’e’ la reazione più logica per raggiungere quanto prima l’obiettivo ?

Vi concentrate sui pioli in legno rotti e ormai persi cercando di capire il perché affannandovi a recuperarli oppure vi concentrate a trovare e accertarvi di quelli buoni per fare leva e guadagnarvi comunque il raggiungimento dell’ obiettivo per poi capire come rimediare al problema se dovesse ripetersi ? 

In questo ultimo caso la crisi ci può far capire quali sono le nostre capacità e le risorse ancora buone.

Quella scala aveva alcuni pioli da tempo non affidabili e il fatto di aver evidenziato ora il problema ci aiuterà in futuro a rinforzarla dove necessita, sostituire dove serve e a fare maggiormente leva sulle risorse e capacità esistenti. Diventa un modo di essere, di pensare, di agire. Significa dunque facilitare un passaggio fondamentale ottimizzando le energie: dal problema ci si chiede quale sia la soluzione, cosa vogliamo di diverso. Allenarsi a concentrasi sulle soluzioni da mettere in campo, concentrarsi sulle abilità e risorse presenti all’interno delle nostre organizzazioni affinché le nostre competenze possano trasformare la crisi in opportunita’. 

Innovazione e Resilienza

Perchè si parla molto di innovazione ma poi spesse volte si finisce per agire con modelli obsoleti ?

Perchè risulta così difficile riuscire a concretizzare in pratica questo concetto, che è sempre più sulla bocca di tutti e spesso abbondantemente ostentato in tutti talk televisivi e media in genere?

Facile dire innovare ma poi cosa significa, come va fatto ?

Innanzi tutto l’innovazione va di pari passo con un’altra qualità che è la resilienza.  Dobbiamo pensare che l’innovazione parte da una forma mentis che viene sostenuta da un atteggiamento che porta ad agire, pensare, “vedere” e percepire la sfida che abbiamo da affrontare in modo differente.

Non importa che tipo di sfida sia, ognuno di noi ha le proprie differenti sfide, i suoi specifici problemi da risolvere, ostacoli da superare ma la risposta parte da una base comune. La resilienza che porta a sapersi innovare.

Sono due aspetti interdipendenti e che l’ uno non può sostituire l’ altro ma devono agire necessariamente in sincrono.

Se tutti siamo d’accordo che bisogna innovare, quanto siamo convinti che sia possibile farlo ?

Quanto siamo convinti di poterlo fare, di avere le adeguate risorse e capacità ?

Innovare significa anche aver il coraggio di esplorare confini nuovi ed essere resilienti significa anche adattarsi al percorso e alle neccessità.

Per esplorare bisogna avere il Coraggio che e’ l’antitesi della paura.

La paura e’ una delle principali cause che congelano l’azione e il pensiero di una persona e, in visione sistemica,  congela le risorse e capacità dell’intera organizzazione e di tutti i suoi processi. Pertanto partiamo dalla fiducia in noi stessi e nelle nostre capacità per “allenarsi” a vedere le risorse e capacità dei nostri team e professionisti.

Per ogni problema esiste una soluzione, una risposta efficace che porta all’evoluzione dell’organismo stesso. 

Tool kit organizzativo per aziende ai tempi del Covid-19

Oggi stiamo tutti affrontando le problematiche del lavoro da remoto e l’isolamento sociale forzato.

Dovremo essere pronti a gestire il rientro nelle sedi avendo già attivato i processi di trasformazione che l’emergenza ha imposto ai contesti lavorativi.

Questa emergenza evidenzia la necessità di prepararsi ad una nuova visione futura delle aziende. Dobbiamo fin da subito attivare strategie adeguate per facilitare una riorganizzazione del lavoro e una efficace gestione e supporto delle persone: dipendenti, collaboratori e clienti.

Le aziende di tutto il mondo devono agire prontamente.

Questo video è rivolto a manager, team leader e responsabili organizzativi per fornire alcune prime conoscenze e strategie da adottare.

L’Associazione professionale Facilitatori Risorse Umane AFRU, di cui faccio parte, è al fianco di imprenditori e aziende per superare insieme questa emergenza e identificare gli strumenti per trasformarla in una opportunità.

Per ricevere il materiale gratuitamente, scrivi una mail a : [email protected]

Emergenza Covid-19: una sfida da vincere

Per vincere questa emergenza non solo sanitaria ma anche economica e sociale non bisogna ripartire dal vecchio ma costruire il futuro, partire con il nuovo. Questo significa trasformare la mentalità per #facilitare il futuro delle nostre aziende e professionisti.

Il Covid-19 ha fatto emergere varie criticità e ci pone difronte ad una sfida importante.

Le nostre persone , professionisti e team hanno straordinarie capacità, abilità e risorse che faranno la differenza. Oggi più che mai allenarsi ad una adeguata leadership basata sulla relazione , self management , self awerness ad empatia diventano fondamentali.


https://twitter.com/Confindustria/status/1248503923280728070?s=19

Comunicare lo sport a Milano in UniCattolica

Il 5 e il 26 febbraio 2020 sarò presente in Università Cattolica Sacro Cuore a Milano all’interno del Master “Comunicare lo sport”.

Il Master ha lo scopo di formare figure professionali in grado di operare con un elevato grado di specializzazione anche in una dimensione internazionale come esperti della comunicazione dello sport in aree della produzione mediale, dell’organizzazione eventi, della comunicazione digitale e della comunicazione di club e federazioni sportive.

Onorato di poter collaborare con l’ Università Cattolica Sacro Cuore di Milano e di dare il mio contributo professionale all’attività di formazione.

Modulo di allenamento mentale “Deep Inside -state of Mind” 2020 : in Sicilia e in Lombardia

L’8 e il 9 febbraio 2020 sarò in Sicilia con Apnea Academy e successivamente il 28 e 28 marzo a Milano Lombardia.

Il modulo di allenamento mentale è riservato agli istruttori Apnea Academy attivi della regione Sicilia e regione Lombardia. Due giornate che saranno suddivise in sessioni teoriche, sessioni pratiche a secco e in acqua.

Gli istruttori saranno formati per poter trasferire le tecniche di allenamento mentale “Deep Inside-State of mind” agli allievi che prenderanno parte ai corsi Apnea Academy.

I moduli sono a numero chiuso e già completi.